martedì 5 maggio 2009

Premio Nazionale “ La Degustatrice d’Olio d’Oliva”

Sabato 2 maggio 2009 si è svolto ad Alghero (SS) presso l’Hotel CATALUNYA la 4° edizione del Premio Nazionale La Degustatrice d’Olio d’Oliva”. L’iniziativa, unica nel suo genere è stata organizzata dalla sezione di Alghero della F.I.D.A.P.A (Federazione Italiana Donne Arti Professioni Affari), con il patrocinio dall’Assessorato allo Sviluppo Economico del Comune di Alghero, della Camera di Commercio di Sassari, dell’O.N.A.O.O (Organizzazione Nazionale Assaggiatori di Olio d’Oliva) e dell’Associazione Nazionale Città dell’Olio.
Il concorso che in questa edizione ha superato le 100 iscrizioni ha confermato l’interesse delle donne per l’olio extra vergine d’oliva e per il settore oleario. Sono state numerose le partecipanti provenienti da tutta la Sardegna, ma significativa è stata la presenza di concorrenti provenienti dalle varie regioni italiane ed in particolare da Sicilia, Marche, Toscana, Piemonte e Lombardia. Da segnalare la presenza in questa edizione di un gruppo di allieve dell’Istituto Alberghiero Don Deodato Meloni di Nuraxinieddu (Oristano) frequentanti uno specifico corso di degustazione. La giuria era composta da Giandomenico Scanu, delegato regionale ONAOO per la Sardegna, Capo panel operante presso la Camera di Commercio di Sassari, da Fabrizia Giribaldi, delegata O.N.A.O.O. e da Barbara Alfei dell’ ASSAM Marche.
Gli esami del concorso sono cominciati alle 10 del mattino con le tre prove pratiche, al fine di consentire l’assaggio da parte delle partecipanti nelle ore migliori della giornata. La prima prova consisteva in un test differenziale. La seconda prova prevedeva il riconoscimento della varietà di tre oli monovarietali di provenienza nazionale ed estera. La terza prova pratica ha visto il riconoscimento di tre difetti. Concluse le prove pratiche, le concorrenti si sono cimentate nell’impegnativa prova teorica. Nel test di cultura generale, articolato in 35 domande a risposta multipla, le partecipanti hanno dovuto rispondere a quesiti riguardanti l’intera filiera olivicola; gli argomenti spaziavano dalla storia dell’olivo alla legislatura, dalla tecniche di produzione e lavorazione delle olive alla classificazione merceologica e all’etichettatura. La graduatoria finale è stata formata sommando i voti delle prove pratiche con quelli della prova teorica.
Si è classificata al primo posto Fausta Graciela Repole di Brescia, al secondo posto Adele Illotto di Oristano, al terzo posto Antonella Casu di Sassari, mentre a Giuseppina Lai di Orosei è stato assegnato lo speciale premio riservato alla migliore non professionista fuori podio.